Quando parliamo di adattamento ai cambiamenti climatici, fondamentalmente ci chiediamo come anticipare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici adottando azioni appropriate per prevenire o minimizzare i danni che possono causare. Poiché il clima continuerà a essere modificato a causa delle emissioni già in atmosfera, i programmi di adattamento contribuiscono a salvare vite ed a valorizzare la funzione degli ecosistemi. Ciò è particolarmente vero nell'ambiente Mediterraneo, dove l'innalzamento delle temperature e il cambiamento delle precipitazioni stanno minacciando risorse rilevanti come la produzione alimentare.

Per quanto riguarda la gestione delle risorse idriche, tra le pratiche di adattamento rivestono un ruolo sempre più rilevante le soluzioni basate sui sistemi naturali e la fornitura di servizi correlati all'acqua utilizzando l'agro-ambiente per l'approvvigionamento idrico o il trattamento delle acque, e la conservazione del suolo.

In questo contesto, il progetto LIFE REWAT (sustainable WATer management in the lower Cornia valley through demand REduction, aquifer REcharge and river Restoration) ha realizzato una serie di interventi di adattamento (e mitigazione) ai cambiamenti climatici volti a prevenire i rischi derivanti da periodi di siccità ed eventi estremi in generale. I lavori di riqualificazione fluviale, di water-banking, efficienza nell’uso irriguo e riuso dei reflui trattati hanno proprio l’obiettivo di dimostrare in maniera attiva l’efficacia di alcune delle misure di adattamento.

Obiettivo del workshop Acqua e adattamento ai cambiamenti climatici è quello di mettere in luce l’importanza dei piani e delle azioni di adattamento ai cambiamenti climatici relativamente alla risorsa acqua e presentare gli interventi realizzati ed in opera nell’ambito del LIFE REWAT ed in altri progetti del programma LIFE .

Un tavolo finale aiuterà a focalizzare l’attenzione sulla necessità di sviluppare interventi di adattamento nel settore pubblico e privato e a discutere i piani di intervento ed i possibili canali di finanziamento.

Modalità di iscrizione:

L’iscrizione al convegno per i soggetti che non richiedono i crediti è obbligatoria e dovrà avvenire inviando un’email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per la sola categoria degli IngegneriL’iscrizione al convegno è gratuita e dovrà avvenire esclusivamente online attraverso la Piattaforma dedicata all’indirizzo http://formazione.ordineingegneripisa.it, selezionando il titolo del convegno. La verifica della presenza sarà effettuata con sistema elettronico a badges tramite codice a barre. Tale codice dovrà essere esibito in fase di registrazione partecipanti in giorno del convegno.

Il numero massimo di partecipanti è di 50.La partecipazione al Convegno riconosce agli Ingegneri N. 3 CFP per la formazione continua obbligatoria permanente per attività non formale.

Per:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per la sola categoria dei Geologi

L’iscrizione al convegno è gratuita e dovrà avvenire esclusivamente online all’indirizzo http://fondazione.geologitoscana.it/ , selezionando il titolo del convegno. Il numero massimo di partecipanti per i geologi è di 50. .La partecipazione al Convegno riconosce ai Geologi  N. 4 CFP.