Uncategorised

Avvio al processo partecipato del Contratto di Fiume

Nell'ambito del Progetto LIFE REWAT per la gestione sostenibile della risorsa idrica del Fiume Cornia, il Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa in qualità di capofila, organizza in collaborazione con i partner Regione Toscana, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, ASA SpA, e i Comuni cofinanziatori Piombino, Campiglia M.ma e Suvereto, l'iniziativa di lancio del processo partecipato che condurrà alla sottoscrizione del CONTRATTO DI FIUME per il Cornia prevista entro giugno 2020.

 

L'evento si terrà a Suvereto Venerdì 8 Febbraio (inizio ore 09.45) presso la sala del Museo di Arte Sacra.

Dopo la firma del Documento di Intenti da parte delle istituzioni presenti all'interno del bacino idrografico, avvenuta nel Maggio del 2018, con questa iniziativa si rilancia il lavoro di condivisione ed ampliamento della platea degli attori locali, coinvolgendo imprese, associazioni di categoria del settore sulle questioni legate al Fiume Cornia per costruire un nuovo punto di vista nella gestione del corso d'acqua.

 
L’appuntamento di Suvereto sarà un momento importante nel quale si ragionerà su come coinvolgere il territorio facendo emergere le sue istanze. L’obiettivo sarà quello di definire, alla fine del percorso, azioni concrete e condivise su un tema cruciale come quello della tutela della risorsa idrica in Val di Cornia
Durante il convegno sarà possibile anche aderire al processo partecipato. 
Sarà presente l’assessore regionale all’ambiente  Federica Fratoni.
 
Ecco il programma completo 
 
 

Processo partecipato modello idrogeologico: incontro del 24 Novembre 2016 a Venturina Terme

Nell’ambito del progetto Life REWAT “Gestione sostenibile delle acque nella bassa Val di Cornia attraverso la riduzione della domanda idrica, la ricarica della falda e la riqualificazione fluviale” è in via di implementazione un sistema di gestione della risorsa acqua in Val di Cornia basato su di un GIS in cui è integrato un modello numerico idrologico.
L’azione ha come obiettivo quello di:
· revisionare i precedenti modelli prendendo da essi quanto di tecnicamente valido;
· implementare un modello numerico per la gestione della risorsa idrica in Val di Cornia con lo stato dell'arte delle applicazioni disponibili;
· rendere questa applicazione condivisa tra i vari partner del progetto ed i vari attori coinvolti nella gestione della risorsa.
Per l'implementazione di questo modello è utilizzata la piattaforma FREEWAT, sviluppata nell'ambito del programma HORIZON 2020 dall’omonimo progetto (www.freewat.eu). Tale piattaforma è open source e di pubblico dominio, andando così ad eliminare la necessità di costose licenze software e favorendone la diffusione nei settori tecnici dei vari enti.
Gli obiettivi specifici dello studio effettuato da due partner del progetto, Scuola Superiore di Studi S. Anna e ASA, sono i seguenti:
· delineare lo stato dell’arte delle conoscenze relative all’inquadramento idrogeologico ed idrologico del bacino del Fiume Cornia;
· costruire e validare un modello numerico che permetta di ottenere una descrizione quantitativa del deflusso della falda basata sull’utilizzo dei dati acquisiti ed in via di acquisizione;
· individuare i principali limiti riscontrati nella fase di costruzione del modello in termini di carenza di dati e informazioni necessari per affinare l’affidabilità dei risultati ottenuti e quindi proporre ulteriori ricerche da svolgere per l’eventuale approfondimento delle conoscenze sullo stato qualiquantitativo della risorsa;
· utilizzare lo strumento implementato per la simulazione degli effetti degli interventi oggetto delle azioni del progetto Life REWAT.

Il modello implementato in questo studio costituisce un primo passo verso la costruzione di un importante ed innovativo strumento per la gestione della risorsa idrica nella Val di Cornia e, quindi, può rappresentare un supporto importantissimo per lo sviluppo socio economico dell’area.
Le applicazioni pratiche di tale modello, infatti, possono riguardare, ad esempio, la simulazione della disponibilità della risorsa in base all’andamento atteso delle precipitazioni oppure all’effetto di un incremento dei prelievi. Il modello è, inoltre, la base per l’implementazione del modello del trasporto di cloruri di intrusione salina.
Poichè il progetto Life REWAT propone come sua peculiarità l’elaborazione di una strategia condivisa e partecipata per la gestione della risorsa idrica in Val di Cornia, anche la definizione di tale modello concettuale dovrà essere costruita attraverso la condivisione più ampia tra i vari attori che concorrono alla gestione della risorsa idrica stessa (Comuni, Regione Toscana, Consorzio Bonifica, gestore SII, associazioni di categoria, associazioni ambientaliste, ecc).
A tal fine viene convocato per GIOVEDI 24 NOVEMBRE 2016 presso la saletta comunale “G. La Pira” a Venturina Terme, in viale della Fiera 1 alle ore 10,15 un incontro nel quale verrà illustrato dal Dott. Rudy Rossetto della Scuola Superiore di Studi S.Anna come è stato costruito il modello stesso e quali risultati si propone di raggiungere e durante il quale saranno acquisiti e raccolti tutti i contributi da parte dei partecipanti, nella definizione della problematica della risorsa idrica nella Val di Cornia.
L’incontro avrà una durata di circa due ore.

Privacy Policy

 

L'Informativa sulla Privacy e sulla tutela dei dati personali ai sensi dell’Art.13 D.lgs. 196/2003 può essere visionata cliccando sul link "Privacy Policy" sottostante...