News Feed Liferewat

  1.  Call for application 

     September 9th—20th, 2019

    Scuola Superiore Sant’Anna

    Pisa, Italy

     

    Objectives

    The Summer School Digital water management and water-related agroecosystem services: geostatistics, hydroinformatics and groundwater flow numerical modelling is organized within the framework of the EU LIFE REWAT project (sustainable WATer management in the lower Cornia valley through demand REduction, aquifer REcharge and river REstoration; www.liferewat.eu).

    The LIFE REWAT project takes place in the coastal Cornia plain (Tuscany, Italy). There, the aquifer system provides the only source of water for drinking, irrigation, industrial purposes and it also contributes to the water needs of the nearby Elba island.

    Since 60 years, intensive exploitation of groundwater resulted in consistent head lowering and water balance deficit, causing subsidence, reduction of groundwater dependent ecosystems, and salinization of freshwater resources.

    Rebalancing the water budget of the hydrologic system by means of innovative concepts (such as those of water-related agroecosystem services and Nature-Based Solutions - NBS) is the main objective of the LIFE REWAT project.

    Five demonstration measures (river restoration; managed aquifer recharge; reuse of treated wastewater for irrigation; high irrigation efficiency scheme; leakage management in water distribution systems) are set in place for promoting water resource management, along with capacity building and participatory actions.

    Information and Communication Technologies (ICT; sensors and software use) are widely used in order to monitor the impact of such actions and to monitor quantitative and qualitative status of the groundwater resource.

    Taking steps from the LIFE REWAT activities, the Summer School aims at proposing innovative ideas on water resource management by focusing on the concept of water-related agro-ecosystem services and on NBS and blue infrastructures. Digital tools (software applications) constitute the other pillar of the Summer School, aiming at preparing the participants to develop the skills for dealing with the management and analysis of water-related spatial data by using state-of-the-art ICT.

     

    Date and venue

    The Summer School will be held at Scuola Superiore Sant’Anna, in Pisa (Italy), on September 9th- 20th

     

    Target participants

    The Summer School is designed for early career scientists (MSc students, PhD students or post-doc), technicians from public authorities (water authorities, river basin authorities, environmental protection agencies) and geo-environmental companies, water utilities operators with at least a 1st level degree or an MSc degree in engineering, environmental sciences, earth sciences, agricultural engineering, physics, mathematics, informatics.

    As the Summer School will be held in English, applicants must have an advanced knowledge of the English language.

    Because of the need of keeping ICT applied laboratory small, enrolment will be limited to a maximum of 24 participants. The Summer School will be activated with a minimum of 12 participants.

     

    Structure and teaching methods

    The Summer School has a duration of 10 days, and it is structured in:

    a.     9 days of class lectures and applied software laboratories,

    b.     one day Technical Trip at LIFE REWAT innovative pilot schemes in Val di Cornia.

    c.     the 2nd FREEWAT International Workshop.

    Class lectures and exercises are divided in five modules:

    Module I: Innovation in water resource management: water-related agroecosystem services and nature-based solutions;

    Module II: Data management, spatial data analysis and geostatistics;

    Module III: ICT for Hydrochemistry

    Module IV: Hydroinformatics: introducing programming to water resource management;

    Module V: Numerical modelling of groundwater flow in aquifers.

    Further information on the Summer School programme and modules may be obtained by writing to Rudy Rossetto (r.rossetto@santannapisa.it)

    The teaching activities will make use of an extremely interdisciplinary approach granted by the diverse competences of the key staff members. Theoretical and applied lectures will make use of real data collected at the Val di Cornia coastal plain within the framework of the EU LIFE REWAT project.

    The Summer School programme capitalises also on the experience of the FP7 MARSOL (www.marsol.eu) and H2020 FREEWAT (www.freewat.eu) projects.

    Free and Open Source Software will be used for applied lectures. QGIS (https://www.qgis.org/en/site/) will be used as a GIS desktop. The FREEWAT platform will be used in Module IV.

     

    How to apply

    Applicants shall submit their application on-line through

    https://www.santannapisa.it/it/formazione/summer-school-digital-water-management-and-water-related-agroecosystem-services-0

     no later than July 22th 2019 at 9:00 AM (GMT).

    The online application requires a registration and login procedure.

    Applicants are required to attach:

    -an up-to-date CV in .pdf file

    -a presentation and motivation letter (500 words maximum)

    -other documents considered of interest (e.g., scientific publications, awards, etc.)

    -a scanned copy of a valid passport/ID card

    A Committee will evaluate the documents submitted by each applicant and will select the candidates eligible to attend the Summer School, by producing a ranking list. Successful candidates will be notified by e-mail with an admission notice.

     

    Enrolment fee

    The Summer School enrolment fee amounts to € 400,00. It includes: attendance to all the lessons, lectures’ handouts and the canteen facility (lunch and dinner) during the 10 Summer School days (including the Technical Trip and the International Workshop). Any other expense – such as visa, accommodation and travel costs, etc. – is to be covered by the participants.

    The first 14 eligible students in the ranking list will benefit of a reduced fee of € 260,00 and free accommodation. The accommodation consists in a double room for 13 nights (from Sunday 8th September to Saturday 21st September) in an apartment in a residence in Pisa.

     

    Further info, online resources and contacts

    Participants are required to use their own laptop.

    A final assessment test is foreseen at the end of the Summer School.

    The acknowledgement of 4 European Credit Transfer and Accumulation System (ECTS) is envisaged for students attending 90% of the whole Summer School programme and passing the foreseen learning test. Training credits are foreseen for Italian engineers, geologists, agronomists on the basis of specific agreements signed with the respective professional bodies in Italy.

    Further information can be retrieved consulting the Summer School call for application at https://www.santannapisa.it/it/formazione/summer-school-digital-water-management-and-water-related-agroecosystem-services-0

     

    Write to Rudy Rossetto (r.rossetto@santannapisa.it) to get further information on the Summer School programme and modules.

    DOWNLOAD THE PROGRAMME


    We are happy to announce that within the EU co-financed LIFE REWAT project (www.liferewat.eu), Scuola Superiore Sant'Anna will host in Pisa (Italy) the first edition of the Summer School

    Digital water management and water-related agroecosystem services: geostatistics, hydroinformatics and groundwater flow numerical modelling

    from September 3rd to 14th 2018.

    For further information on the Summer School structure, how to apply and the enrolment fee, please visit: 
    http://www.freewat.eu/1st-international-life-rewat-summer-school-digital-water-management-and-water-related-agroecosystem

    Twelve exemptions on lodging and subsistence available.

    Deadline for the application: July 17 th 2018 at 12 am (GMT)

    The Summer School aims at proposing innovative ideas on water resource management by focusing on the concept of water-related agro-ecosystem services and on nature-based solutions and blue infrastructures. Digital tools (software applications) will constitute the other pillar of the Summer School, aiming at preparing the participants to develop the skills for dealing with the management and analysis of water-related spatial data by using state-of-the-art Information and Communication Technologies.

    The Summer School is designed for MSc students and early career scientists (PhD students or post-doc), technicians from public authorities and geo-environmental companies, water utilities operators with a background in engineering, environmental sciences, earth sciences, agricultural engineering, physics, mathematics, informatics.

    The participants will develop digital skills in water resource management, by using state-of-the-art ICT software. Open source and free software will be used.


    Info also available by writing to r.rossetto@sssup.it or g.defilippis@sssup.it

  2. Quando parliamo di adattamento ai cambiamenti climatici, fondamentalmente ci chiediamo come anticipare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici adottando azioni appropriate per prevenire o minimizzare i danni che possono causare. Poiché il clima continuerà a essere modificato a causa delle emissioni già in atmosfera, i programmi di adattamento contribuiscono a salvare vite ed a valorizzare la funzione degli ecosistemi. Ciò è particolarmente vero nell'ambiente Mediterraneo, dove l'innalzamento delle temperature e il cambiamento delle precipitazioni stanno minacciando risorse rilevanti come la produzione alimentare.

    Per quanto riguarda la gestione delle risorse idriche, tra le pratiche di adattamento rivestono un ruolo sempre più rilevante le soluzioni basate sui sistemi naturali e la fornitura di servizi correlati all'acqua utilizzando l'agro-ambiente per l'approvvigionamento idrico o il trattamento delle acque, e la conservazione del suolo.

    In questo contesto, il progetto LIFE REWAT (sustainable WATer management in the lower Cornia valley through demand REduction, aquifer REcharge and river Restoration) ha realizzato una serie di interventi di adattamento (e mitigazione) ai cambiamenti climatici volti a prevenire i rischi derivanti da periodi di siccità ed eventi estremi in generale. I lavori di riqualificazione fluviale, di water-banking, efficienza nell’uso irriguo e riuso dei reflui trattati hanno proprio l’obiettivo di dimostrare in maniera attiva l’efficacia di alcune delle misure di adattamento.

    Obiettivo del workshopAcqua e adattamento ai cambiamenti climatici è quello di mettere in luce l’importanza dei piani e delle azioni di adattamento ai cambiamenti climatici relativamente alla risorsa acqua e presentare gli interventi realizzati ed in opera nell’ambito del LIFE REWAT ed in altri progetti del programma LIFE .

    Un tavolo finale aiuterà a focalizzare l’attenzione sulla necessità di sviluppare interventi di adattamento nel settore pubblico e privato e a discutere i piani di intervento ed i possibili canali di finanziamento.

    Modalità di iscrizione:

    L’iscrizione al convegno per i soggetti che non richiedono i crediti è obbligatoria e dovrà avvenire inviando un’email a:valentina.menonna@regione.toscana.it

    Per la sola categoria degli IngegneriL’iscrizione al convegno è gratuita e dovrà avvenire esclusivamente online attraverso la Piattaforma dedicata all’indirizzohttp://formazione.ordineingegneripisa.it, selezionando il titolo del convegno. La verifica della presenza sarà effettuata con sistema elettronico a badges tramite codice a barre. Tale codice dovrà essere esibito in fase di registrazione partecipanti in giorno del convegno.

    Il numero massimo di partecipanti è di 50.La partecipazione al Convegno riconosce agli Ingegneri N. 3CFP per la formazione continua obbligatoria permanente per attività non formale.

    Per:  formazione@ordineingegneripisa.it

     

    Per la sola categoria dei Geologi

    L’iscrizione al convegno è gratuita e dovrà avvenire esclusivamente online all’indirizzohttp://fondazione.geologitoscana.it/ , selezionando il titolo del convegno. Il numero massimo di partecipanti per i geologi è di 50. .La partecipazione al Convegno riconosce ai Geologi  N. 4CFP.

     

  3. Il 23 maggio 2019, a partire dalle ore 16.00, si è svolta presso la sede del Consorzio 5 Toscana Costa a Venturina Terme, la seconda Assemblea di Bacino del percorso partecipativo per il Contratto di Fiume Cornia.

    Come per il primo incontro, tutti i soggetti interessati (amministratori, tecnici, associazioni, cittadini..) hanno potuto portare il proprio contributo; a seguito dell’illustrazione dei temi e delle problematiche emersi durante il primo incontro, il CIRF (Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale, coordinatore scientifico del processo partecipativo), ha presentato la modalità di svolgimento della Seconda Assemblea: 3 tavoli diversi a cui i presenti (divisi in 3 gruppi) si sono susseguiti portando il proprio contributo.

    I temi trattati nei tavoli sono stati:

    -         Gestione quali-quantitativa della risorsa idrica;

    -         Gestione del rischio idraulico;

    -         Cultura e divulgazione del valore dell’acqua e fruizione degli ambienti fluviali

    Argomenti trasversali ai tre temi: ambiente, natura, sviluppo socio economico e quanto altro emergesse durante gli scambi di idee.

    Tutti i soggetti coinvolti hanno espresso i loro punti di vista e portato suggerimenti pertinenti ad ogni tavolo.

    “Un processo partecipativo è lo strumento ideale per poter ascoltare le esigenze e le proposte di tutti i portatori di interesse- commenta il Presidente Vallesi- a vario titolo coinvolti. Le idee, e anche le discussioni, che nascono durante questi incontri suggeriscono agli amministratori, locali e non, un nuovo punto di vista da cui osservare e valutare gli impatti delle scelte che vengono fatte. Mi auguro che in questo anno, che ci separa dalla Firma del Contratto di Fiume, si riesca ad arrivare ad una piena ed armonica collaborazione volta a valorizzare e preservare quello che troppo spesso ci dimentichiamo di avere”.

     

    {gallery}23_05_2019{/gallery}

     

     

  4. Lo scorso 16 aprile alle 16,30 presso la saletta comunale “Giorgio la Pira” di Venturina, si è svolta la prima assemblea di bacino del percorso partecipativo del Contratto di Fiume.

    L’assemblea di bacino è formata dalle istituzioni che hanno sostenuto e sottoscritto il documento d’intenti, dai soggetti pubblici e privati e dai singoli cittadini che hanno come interesse comune la risorsa idrica.

    L’incontro è cominciato con un breve inquadramento, i partecipanti hanno avuto occasione di presentarsi e di portare il loro primo contributo ai lavori, mentre la segreteria tecnica ha offerto degli input specialistici in modo da fornire dei suggerimenti per gli incontri futuri.

    L’obiettivo finale dell’incontro è stato quello di redigere un quadro conoscitivo condiviso della Val di Cornia.

     

     

  5. Rudy Rossetto, della Scuola Superiore Sant’Anna è stato intervistato dal Ministero dell’Ambiente e tra gli argomenti approfonditi si è parlato del progetto Life REWAT, sviluppato per la salvaguardia della risorsa idrica nel territorio della Val di Cornia.

    Attualmente sono stati realizzati cinque interventi dimostrativi innovativi, quali la ricarica controllata della falda, la riqualificazione fluviale, l’intervento di subirrigazione che si occupa dell’irrigazione sotterranea e gestisce la quantità d’acqua nelle colture del carciofo, l’intervento per la diminuzione delle perdite dell’acquedotto e il riutilizzo delle acque reflue a scopo irriguo.

    La buona riuscita degli interventi è anche derivante dalla presenza delle amministrazioni che partecipano attivamente alla gestione condivisa della risorsa idrica grazie anche al costruendo Contratto di Fiume.

    Inoltre si è parlato del modo in cui divulgare i risultati ottenuti, che sono numerosi, cercando di ricorrere alla comunicazione digitale, selezionando un’ audience ben distinta (imprenditori, tecnici, funzionari e politici).

  6. Mercoledì 13 marzo la Val di Cornia ha ricevuto la visita del project advisor del progetto Life Rewat Malgorzata Piecha, accompagnata dal monitor Roberto Ghezzi.

    Durante l’appuntamento è stato possibile illustrare i risultati ottenuti fino ad oggi dai cinque interventi dimostrativi previsti nel progetto Life REWAT.

    A questa prima fase è seguita la visita all'Istituto Comprensivo Carducci di Venturina Terme dove è stato possibile vedere il funzionamento le lavagne interattive che, grazie al progetto, sono state fornite alle scuole del territorio.

    Successivamente sono stati effettuati sopralluoghi nei siti in cui sono stati realizzati gli interventi dimostrativi pilota: Suvereto – impianto di ricarica controllata della falda e intervento di riqualificazione del fiume Cornia, Campiglia Marittima – impianto di irrigazione di precisione del carciofo e recupero delle acque reflue per irrigazione campo sportivo.

    La project advisor ha constatato di persona quanto realizzato grazie al finanziamento ottenuto dal progetto Life REWAT.

    “La visita è stata molto utile per ottenere una visione degli interventi dimostrativi del progetto che hanno richiesto tempi più lunghi di quelli previsti inizialmente per la progettazione ed il rilascio delle autorizzazioni, ma che ora sono realizzati e funzionanti.

    Esprimo inoltre la mia soddisfazione perché il principale attore politico, la Regione Toscana ed i partner stanno facendo uno sforzo considerevole al fine di garantire la sostenibilità a lungo termine e la replicabilità del risultati del progetto con l'adozione del Contratto di fiume come strumento per gestire e proteggere qualità e quantità delle risorse idriche”.

  7. Mercoledì 13 marzo Venturina ospiterà un incontro in cui parteciperanno il project advisor del progetto Life Rewat Malgorzata Piecha, accompagnata dal monitor Roberto Ghezzi.

    Durante questo appuntamento sarà possibile illustrare i risultati dei cinque interventi dimostrativi previsti nel progetto, quali la ricarica della falda, l'intervento di riqualificazione fluviale, l'impianto di irrigazione sotto superficiale attivo nel Comune di Campiglia Marittima, l'uso delle acque reflue che vengono utilizzate per l'irrigazione del campo sportivo del Comune di Piombino.

    Dopo questa prima fase, seguirà una parte descrittiva, con il sopralluogo dei siti in cui sono stati avviati gli interventi e la visita all'Istituto Comprensivo Carducci di Venturina Terme, che con le scuole di Piombino ha partecipato al Progetto Rewat.

    Nella sede del Consorzio 5 Toscana Costa saranno presenti i sindaci e i loro rappresentanti delle Amministrazioni cofinanziatrici del Progetto Rewat: Campiglia M.ma, Piombino, Suvereto, oltre al Presidente del Consorzio Giancarlo Vallesi e quello di Asa Nicola Ceravolo.

    Il progetto Life Rewat terminerà a settembre 2020 e vede la partecipazione in prima fila del Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa insieme ai partner Asa Spa, la Regione Toscana e la Scuola Superiore Sant' Anna di Pisa che monitorano gli interventi

  8. Tanta la partecipazione all'evento di lancio del processo partecipato del Contratto di Fiume Cornia che si è tenuto lo scorso venerdì a Suvereto presso il Museo di Arte Sacra. Nella platea Amministratori, Associazioni, Enti e cittadini uniti dall'interesse rispetto alla gestione del corso d'acqua e della risorsa idrica, alla tutela ambientale e alla salvaguardia del territorio.

    Al tavolo dei relatori hanno portato il loro saluto l'Assessore Regionale Federica Fratoni che ha ribadito la vicinanza e l'impegno della Regione Toscana nell'utilizzo dello strumento del contratto di Fiume per condividere una governarce del corso d'acqua più larga ed efficace, ma anche dell'intero progetto Life Rewat del quale la Regione Toscana è Partner diretto. Ha seguito, poi, il benvenuto di Giancarlo Vallesi, Presidente del Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa, che ha inquadrato il tema della giornata, raccontando il percorso impegnativo che l'Ente di bonifica ha deciso di seguire, andando oltre le proprie specifiche funzioni, nel tentativo di dare un contributo serio e strutturato alla riflessione, lo studio e poi l'azione da realizzare per garantire la disponibilità della risorsa idrica, bene primario ma anche leva produttiva la sicurezza idraulica e la tutela del territorio.  

    Ad entrare nel merito del Progetto Life Rewat il Coordinatore del Progetto Alessandro Fabbrizzi e il Dirigente della Regione Toscana Marco Masi che hanno poi lasciato spazio ai consulenti coordinatori del processo partecipativo del Contratto di Fiume Cornia, Laura Leone del Centro riqualificazione fluviale italiano e Luca Sbrilli, geologo, profondo conoscitore del territorio con esperienza nei percorsi partecipati.

    Il convegno si è chiuso con una interessante tavola rotonda coordinata da Giancarlo Gusmaroli del CIRF che ha visto gli interventi di Rudy Rossetto, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che si è concentrato sulla natura innovativa e tecnologicamente avanzata di alcuni degli interventi dimostrativi previsti dal Life Rewat, come la ricarica della falda, che in un mese di attività ha immagazzinato 160.000 mc in falda o l'intervento di irrigazione di precisione sulle colture del carciofo che, nella prima stagione ha consentito un risparmio del 70%, del Presidente ASA spa, Partner di Progetto, che ha focalizzato l'attenzione sull'importanza di queste azioni volte sia a migliorare la distribuzione della risorsa in rete, evitando sprechi e perdite, ma anche a sottolineare la risorsa idrica come leva economica di sviluppo del nostro territorio. La tavola rotonda è poi proseguita con gli interventi delle istituzione: il Vicesindaco di Suvereto Jessica Pasquini, il Presidente del Consorzio 5 Toscana Costa Giancarlo Vallesi, l'Assessore del Comune di Campiglia M.ma Vito Bartalesi, il Segretario dell'Autorità di Distretto Massimo Lucchesi.

    Nel concludere la tavola rotonda l'Assessore Regionale Fratoni ha rimarcato il valore del progetto Life REWAT e del processo partecipativo del contratto di fiume Cornia, sottolineando la volontà da parte della Regione Toscana di sostenerlo, favorendo l'adesione alla discussione di quanti più soggetti possibili legati al tema dell'acqua e del Fiume.

  9. Nell'ambito del Progetto LIFE REWAT per la gestione sostenibile della risorsa idrica del Fiume Cornia, il Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa in qualità di capofila, organizza in collaborazione con i partner Regione Toscana, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, ASA SpA, e i Comuni cofinanziatori Piombino, Campiglia M.ma e Suvereto, l'iniziativa di lancio del processo partecipato che condurrà alla sottoscrizione del CONTRATTO DI FIUME per il Cornia prevista entro giugno 2020.

     

    L'evento si terrà a Suvereto Venerdì 8 Febbraio (inizio ore 09.45) presso la sala del Museo di Arte Sacra.

    Dopo la firma del Documento di Intenti da parte delle istituzioni presenti all'interno del bacino idrografico, avvenuta nel Maggio del 2018, con questa iniziativa si rilancia il lavoro di condivisione ed ampliamento della platea degli attori locali, coinvolgendo imprese, associazioni di categoria del settore sulle questioni legate al Fiume Cornia per costruire un nuovo punto di vista nella gestione del corso d'acqua.

     
    L’appuntamento di Suvereto sarà un momento importante nel quale si ragionerà su come coinvolgere il territorio facendo emergere le sue istanze. L’obiettivo sarà quello di definire, alla fine del percorso, azioni concrete e condivise su un tema cruciale come quello della tutela della risorsa idrica in Val di Cornia
    Durante il convegno sarà possibile anche aderire al processo partecipato. 
    Sarà presente l’assessore regionale all’ambiente  Federica Fratoni.
     
    Ecco il programma completo 
     
     
  10. Il 10 Gennaio si è svolto l’incontro con i rappresentanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado di Piombino, Campiglia, Venturina e Suvereto per analizzare i lavori sviluppati nell’ambito del progetto Rewat con le classi coinvolte.

    Già a partire dal 2017 gli insegnanti avevano partecipato ad un corso di formazione sui temi principali del Rewat, focalizzandosi sul riuso delle acque reflue, il ravvenamento della falda, la riduzione delle perdite e l’utilizzo dell’acqua in modo rispettoso nell’ambito civile, agricolo ed industriale.

    A seguito della formazione, gli insegnanti hanno poi lavorato con gli studenti svolgendo varie attività come la scrittura di poesie e testi letterari, la produzione di piccoli plastici che descrivono il ciclo dell’acqua, giochi che utilizzano il tema dell’acqua. Sono stati realizzati anche pannelli e disegni sul progetto Rewat, ed è stata avviata la produzione di un giornalino che analizza la tematica dell’acqua dal punto di vista scientifico, letterario, di attualità e meteorologico.

    I presenti sono stati informati su una giornata dedicata all’acqua che avrà luogo nella fiera di Venturina la prossima primavera che coinvolgerà gli studenti di tutte le scuole.

    Alla fine dell’incontro Alessandro Fabbrizzi, responsabile del progetto Rewat, ha invitato i partecipanti ad aderire al Contratto di fiume che sarà avviato a breve e che prevede il coinvolgimento delle scuole in modo da formarle sull’uso corretto e responsabile delle risorse idriche.