workshop

  • Il Progetto Life Rewat a Piacenza.

    “La ricarica delle falde in condizioni controllate in Italia: le esperienze progettuali a valle del DM 100/2016”

    Il Progetto Life REWAT sbarca anche a Piacenza. Nell'ambito dei convegni “Geofluid2018”, organizzati dall'Associazione Acque Sotterranee in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Geologi, nella giornata del 3 ottobre 2018 si svolgerà il workshop “La ricarica delle falde in condizioni controllate in Italia: le esperienze progettuali a valle delDM 100/2016” durante la quale verranno presentate le due esperienze attualmente autorizzate ed in essere in Italia:


    - l’impianto di ricarica della conoide del Marecchia, Rimini
    - l’impianto di ricarica di Suvereto, Livorno


    Nelle due sessioni verranno messe a confronto le esperienze progettuali, i sistemi di monitoraggio ed i risultati ad oggi raggiunti insieme ad una analisi dei costi sostenuti.
    Nella discussione finale si affronterà il tema della replicabilità della costruzione di impianti di ricarica in condizioni controllate nel contesto italiano.
    Aprirà i lavori l'Assessore alla difesa del suolo della Regione Emilia Romagna ed introdurrà il tema Il Dott. Rudy Rossetto dell'Istituto di Scienze della Vita, Scuola Superiore Sant’Anna con la relazione “La ricarica delle falde in Italia e nel mondo: ricerca e applicazioni”.
    Per quanto riguarda il progetto Life REWAT sono previsti vedrà gli interventi di tre dei Partner di Progetto: Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Regione Toscana e ASA Spa.
    Ad entrare nel merito del progetto di ricarica della falda in condizioni controllate eseguito a Suvereto, sarà la Regione Toscana con il Dott. Marco Masi “Il Progetto LIFE REWAT: la gestione integrata delle risorse idriche come laboratorio di innovazione.” e la Dott.ssa Valentina Menonna “La ricarica della falda: applicazione del D.M. 100/2016 in RegioneToscana.”
    Sarà poi la volta del Dott. Marco Brilli di ASA Spa che descriverà dettagliatamente “Il progetto esecutivo per la realizzazione dell’impianto di ricarica di Suvereto”. A chiudere i lavori gli interventi di Simone Maria Piacentini e Simone Febo della Scuola Superiore Sant’Anna con la relazione su “Il monitoraggio della falda della pianura del Fiume Cornia: aspetti quantitativi e qualitativi” e i contributi di Francesco Pistone, Federico Lazzaroni, Fernando Manzella e Riccardo Leoni della Regione Toscana che affronteranno il tema delle “Relazioni tra fiume Cornia e acquifero nella pianura del Cornia”. “Un'occasione importante per far conoscere cosa abbiamo fatto insieme agli altri partner del progetto Life REWAT sulla gestione sostenibile della risorsa idrica - ha commentato Giancarlo Vallesi Presidente del Consorzio 5 Toscana Costa, Ente
    Capofila del progetto REWAT. Attraverso l'impianto di ricarica della falda di Suvereto, realizzato nei mesi scorsi e che entrerà in funzione prossimamente, si potrà immagazzinare in falda una grande quantità di acqua con un investimento tutto sommato piuttosto modesto. L'impianto di Suvereto possiede inoltre un sistema di monitoraggio molto avanzato in grado di controllare il processo di ricarica in ogni momento”.

  • Scuola Superiore Sant'Anna - Pisa 10 Settembre 2018

     

    Presentazione del Workshop


    Il progetto EU LIFE REWAT (sustainable WATer management in the lower Cornia valley through demand REduction, aquiferREcharge and riverREstoration; http://www.liferewat.eu), co-finanziato dall’Unione Europea, si svolge nella pianura costiera del fiume Cornia (Toscana), dove il sistema acquifero rappresenta l’unica risorsa di acqua dolce per scopi potabili, irrigui e industriali, contribuendo anche al fabbisogno idrico della vicina isola d’Elba. Lo sfruttamento intensivo delle acque sotterranee ha portato ad un consistente deficit del bilancio idrico, causando fenomeni di subsidenza, alterazione degli ecosistemi, salinizzazione delle acque di falda.
    Il principale obiettivo del progetto è rendere sostenibile l’utilizzo delle risorse idriche.
    Tale obiettivo viene perseguito per mezzo di concetti innovativi come quelli dei servizi agroecosistemici per l’acqua e soluzioni basate su sistemi naturali e un utilizzo massiccio di strumenti ICT (Information and Communication Technologies; sensori e strumenti software). Sono stati messi a punto cinque interventi dimostrativi (riqualificazione fluviale, ricarica della falda in condizioni controllate; riuso di reflui trattati per scopi irrigui; uno schema di irrigazione ad alta efficienza; riduzione perdite dalla rete acquedottistica) per promuovere la gestione delle risorse idriche, unitamente ad attività di participazione e di capacity building. Gli strumenti ICT vengono ampiamente utilizzati per gestire e monitorare l’impatto di queste azioni sulle risorse idriche sotterranee.
    Il 1° LIFE REWAT International Workshop “Digital water and nature based solutions: innovative tools for sustainable water management ” vuole focalizzare l’attenzione sulle potenzialità delle soluzioni basate su sistemi naturali per la mitigazione dei rischi naturali legati all’acqua aumentando la resilienza ai periodi di siccità e agli eventi alluvionali, per il miglioramento della qualità delle acque e l’adattamento ai cambiamenti climatici.
    Il workshop fornirà inizialmente, attraverso presentazioni di relatori di rilievo internazionale, una panoramica dei concetti di soluzioni per l’acqua basate su sistemi naturali, il loro utilizzo e la loro diffusione su scala globale per vari scopi. Verrà inoltre affrontato il tema dell’utilizzo di risorse idriche non convenzionali. La presentazione delle attività dei progetti co-finanziati dall’Unione Europea (attraverso i programmi LIFE e HORIZON 2020) permetterà di dimostrare l’utilizzo di queste soluzioni in applicazioni reali. Verrà illustrata inoltre l’applicazione di strumenti ICT per la gestione delle infrastrutture blu/verdi e verrà discussa la possibilità di aprire un mercato digitale per i servizi collegati all’acqua.
    Nel pomeriggio, durante la Tavola Rotonda “From pilot demo-sites/applications to large scale transferability: how to move innovations to the water market ”, i relatori delle sessioni mattutine e alcuni rappresentanti di importanti aziende/istituzioni discuteranno il ruolo dell’innovazione nel mercato dell’acqua e le azioni necessarie per diffondere le pratiche di gestione sostenibile delle risorse idriche al mondo reale. I partecipanti avranno la possibilità di condividere il proprio punto di vista, commentare e porre delle domande ai relatori sia durante le presentazioni, che durante la discussione della sessione mattutina, che durante la Tavola Rotonda nel pomeriggio.
    Il workshop è co-organizzato nel contesto della European Innovation Partnerships on Water (EIP WATER; www.eip-water.eu) – Action Groups “Managed Aquifer Recharge Strategies and Actions” e dell’iniziativa ICT4WATER cluster (www.ict4water.eu).
    La partecipazione è gratuita. La registrazione è obbligatoria (si faccia riferimento alle informazioni riportate sulla copertina). Sono disponibili solo 80 posti. Il Workshop si svolgerà in Inglese - sarà possibile usufruire del servizio di traduzione in Italiano mediante auricolari.
    Il giorno 11 Settembre è prevista una visita guidata agli impianti dimostrativi (ricarica della falda, riqualificazione fluviale, schema di irrigazione ad alta efficienza). La partecipazione è gratuita. E’ disponibile un numero di posti limitato su un bus– per il quale è obbligatoria la registrazione.

    Il programma preliminare del workshop è disponibile qui: SCARICA IL PROGRAMMA

    Partecipazione gratuita – registrazione obbligatoria
    Per registrarsi inviare una mail a Simone Maria Piacentini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), comunicando:
    - Nome
    - Cognome
    - e-mail
    - Ente di appartenenza
    - Tipologia di ente (università/ricerca, gestore servizio idrico, autorità di bacino, ente governativo, società di consulenza, libero professionista).

    infiltration basin Suvereto IT

  • L'associazione europea sulla informazione geografica EUROGI e quella italiana AMFM GIS ITALIA in collaborazione con il Dipartimento di Informatica dell'Università di Salerno, organizzano  il workshop “Geospatial & Digital Transformation key for Industrial Revolution 4.0 and Society” che si terrà a Salerno il prossimo 26 aprile.

    Il programma è diviso in due parti.  Oltre ai saluti del Presidente EUROGI, Henning Sten Hansen, gli interventi della mattina hanno l'obiettivo di presentare lo stato dell'arte in Italia.

    Lo faranno i protagonisti pubblici e privati del panorama nazionale, quali AgID, ISTAT, Università, ISPRA, CNITA, Almaviva, etc.

    Nel pomeriggio invece ci saranno degli interventi curati dai soci di EUROGI per presentare alcune best practices europee.

    LIFE REWAT parteciperà, grazie a Calogero Ravenna (ASA spa) alla sessione poster con la presentazione delle attività svolte per la creazione della banca dati geografica e il modello idrogeologico sviluppato a supporto delle azioni di governance.

    Per maggiori informazioni e per il programma dettagliato si prega di far riferimento all'indirizzo http://www.amfm.it/2018/04/11/eurogi-members-meeting/

  • Nell’ambito del Progetto Europeo Life Rewat, per la gestione sostenibile delle acque nella bassa pianura del Fiume Cornia, si è svolta la prima Summer School Internazionale Life REWAT organizzata dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che ha ospitato studenti e docenti provenienti da tutto il mondo, Italia, Africa, Sud America, Emirati Arabi ecc..

    La Summer School "Digital water management and water-related agroecosystem services: geostatistics, hydroinformatics and groundwater flow numerical modelling" che si è tenuta dal 3 al 10 settembre 2018 ha affrontato i temi del progetto, grazie alla professionalità ed alla competenza dei numerosi relatori che sono
    intervenuti. Tra questi Rudy Rossetto (Scuola Superiore Sant’Anna), Fabio Masi (Iridra srl), Laura Ercoli (Scuola Superiore Sant’Anna), Luca Sebastiani (Scuola Superiore Sant’Anna), Ezio Crestaz (Joint Research Centre/EC), Enrico Guastaldi (GeoExplorer Impresa Sociale Srl), Iacopo Borsi (TEA SISTEMI S.p.A.), Massimiliano Cannata (Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana), Wolfgang Schmid (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation) e Giovanna De Filippis (Scuola Superiore Sant’Anna). Una giornata della Summer School è stata dedicata alla visita all'intervento di ricarica della falda in Val di Cornia previsto dal Progetto Life REWAT, dove i presenti hanno potuto valutare e discutere direttamente sul campo le azioni svolte sul territorio.

    Ad arricchire l'esperienza formativa dei 25 studenti partecipanti alla summer school anche il workshop intitolato “Digital water and nature based solutions: innovative tools for sustainable water management ” che ha affrontato ed approfondito il tema della potenzialità delle soluzioni basate su sistemi naturali per la mitigazione dei rischi naturali legati all’acqua e dell’utilizzo delle risorse idriche non convenzionali.

    In occasione del workshop è stato presentato anche il Progetto T.R.I.G-Eau, che si occupa di affrontare la problematica del rischio alluvioni dovuto al tombamento dei corsi d’acqua e al sempre maggiore incremento di aree urbanizzate e superfici impermeabilizzate. Il progetto vuole sviluppare la resilienza dei territori promuovendo infrastrutture verdi per la gestione dei deflussi metereologici. Più info: http://interreg-maritime.eu/web/t.r.i.g-eau

    Altre info, foto e curiosità sulle nostre pagine Facebook e Twitter:
    https://www.facebook.com/LIFEREWAT/
    https://twitter.com/RewatLife

     

    43582742 869401503184023 8238217521107304448 o

     DSC9008

     DSC9000

    IMG 20180911 WA0009